Come gli occhi tradiscono i tuoi pensieri

How your eyes betray your thoughts

 

Realizzato da Guardian.co.ukQuesto articolo intitolato “Come gli occhi tradiscono i tuoi pensieri” è stato scritto da Mo Costandi, per theguardian.com il Martedì 2 giugno 2015 09.00 UTC (tempo coordinato universale

Secondo il vecchio detto, gli occhi sono le finestre nell'anima, rivelando profonde emozioni che altrimenti potremmo vogliamo nascondere. Anche se la scienza moderna esclude l'esistenza dell'anima, si suggerisce che ci sia un fondo di verità in queste parole:: si scopre agli occhi non solo riflettono ciò che sta accadendo nel cervello, ma può anche influenzare il modo in cui ricordare le cose e prendere decisioni.

I nostri occhi sono in continuo movimento, e mentre alcuni di questi movimenti sono sotto controllo cosciente, molti di loro si verificano inconsciamente. Quando leggiamo, per esempio, facciamo una serie di movimenti oculari molto veloce chiamato saccades che fissarsi rapidamente su una parola dopo l'altra. Quando si entra in una stanza, facciamo saccades radicali più grandi come noi guardiamo intorno. Poi ci sono il piccolo, movimenti involontari degli occhi che facciamo mentre camminiamo, per compensare il movimento della nostra testa e stabilizzare la nostra visione del mondo. E, naturalmente, i nostri occhi dardo in giro durante il 'rapid eye movement' (REM) fase del sonno.

BBC Future

Ciò che sta diventando chiaro è che alcuni dei nostri movimenti oculari può effettivamente rivelare nostro processo di pensiero.

Una ricerca pubblicata lo scorso anno dimostra che dilatazione della pupilla è legata al grado di incertezza durante il processo decisionale: se qualcuno è meno sicuro circa la loro decisione, si sentono eccitazione accresciuta, che fa sì che gli allievi di dilatarsi. Questo cambiamento negli occhi può anche rivelare quello che un decisore è in procinto di dire: un gruppo di ricercatori, per esempio, ha scoperto che la visione per la dilatazione ha consentito di prevedere quando una persona cauta usata per dire 'no' stava per prendere la decisione difficile da dire 'sì'.

guardando il occhi possono anche aiutare a predire quale numero di una persona ha in mente. Tobias Loetscher ei suoi colleghi presso l'Università di Zurigo reclutati 12 volontari e monitorato i loro movimenti oculari mentre srotolate un elenco di 40 numeri.

Essi hanno scoperto che la direzione e la dimensione dei movimenti oculari dei partecipanti previsto con precisione se il numero che stavano per dire era più grande o più piccolo di quello precedente - e di quanto. Lo sguardo di ogni volontario spostata verso l'alto e verso destra appena prima hanno detto un numero più grande, e verso il basso e verso sinistra prima di uno più piccolo. Più grande è il passaggio da una parte all'altra, maggiore è la differenza tra i numeri.

Ciò suggerisce che in qualche modo ci colleghiamo rappresentazioni numeriche astratte nel cervello con il movimento nello spazio. Ma lo studio non ci dice che viene prima: se il pensiero di un numero particolare provoca cambiamenti nella posizione degli occhi, o se la posizione degli occhi influenza il nostro attività mentale. In 2013, ricercatori in Svezia evidenze pubblicate che è quest'ultimo che può essere al lavoro: movimenti oculari possono effettivamente facilitare il recupero della memoria.

Hanno reclutato 24 studenti e ha chiesto a ciascuno di esaminare attentamente una serie di oggetti visualizzati a loro in un angolo di uno schermo di computer. I partecipanti sono stati poi detto di ascoltare una serie di dichiarazioni circa alcuni degli oggetti che avevano visto, come ad esempio "La vettura si trovava di fronte a sinistra" e ha chiesto di indicare il più rapidamente possibile se ciascuno fosse vero o falso. Alcuni partecipanti sono stati autorizzati a lasciare i loro occhi vagano liberamente; altri sono stati invitati a fissare lo sguardo sulla croce al centro dello schermo, o l'angolo dove era apparso l'oggetto, per esempio.

I ricercatori hanno scoperto che coloro che sono stati autorizzati a muovere gli occhi spontaneamente durante il richiamo effettuato significativamente migliori rispetto a quelli che fissato sulla croce. È interessante notare che, anche se, partecipanti che era stato detto di fissare lo sguardo in un angolo dello schermo, in cui gli oggetti era apparso in precedenza ottenuto risultati migliori rispetto a quelle detto di fissare lo sguardo in un altro angolo. Questo suggerisce che i movimenti degli occhi più da vicino i partecipanti durante informazioni di codifica corrispondevano con quelli che si sono verificati durante il recupero delle informazioni, il meglio erano a ricordare gli oggetti. Forse perché i movimenti degli occhi ci aiutano a ricordare le relazioni spaziali tra gli oggetti presenti nell'ambiente al momento della codifica.

Questi movimenti oculari possono verificarsi inconsciamente. "Quando le persone sono alla ricerca di scene che hanno incontrato prima, i loro occhi sono spesso attratti informazioni che hanno già visto, anche quando non hanno alcun ricordo cosciente,"dice Roger Johansson, uno psicologo dell'Università di Lund, che ha condotto lo studio.

Guardando i movimenti degli occhi possono anche essere utilizzati per spingere le decisioni delle persone. Uno studio recente ha dimostrato - forse preoccupante - che eye-tracking può essere sfruttato per influenzare le decisioni morali che prendiamo.

I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti questioni morali complessi come "Possono omicidio mai essere giustificate?"E poi visualizzato, sullo schermo del computer, risposte alternative ("A volte giustificabili" o "mai giustificabile"). Tracciando i movimenti degli occhi dei partecipanti, e rimuovendo le due opzioni di risposta dopo un partecipante aveva trascorso un certo periodo di tempo guardando una delle due opzioni, i ricercatori hanno scoperto che essi potrebbero spingere i partecipanti a stabilire che l'opzione particolare per quanto la loro risposta.

"Noi non ha dato loro più informazioni,"Dice il neuroscienziato Daniel Richardson dell'University College di Londra, autore senior dello studio. "Abbiamo semplicemente aspettato per i propri processi decisionali a svolgersi e li interruppe esattamente nel punto giusto. Abbiamo fatto loro cambiare idea solo attraverso il controllo, quando hanno preso la decisione. "

Richardson aggiunge che i venditori di successo possono avere una certa comprensione in questo, e usarlo per essere più convincenti con i clienti. "Pensiamo di persone convincenti come buoni parlatori, ma forse sono anche osservando il processo decisionale,"Dice. "Forse buoni venditori possono individuare il momento esatto che stai vacillare verso una certa scelta, e poi offrire uno sconto o di cambiare il loro passo ".

L'ubiquità di applicazioni di eye-tracking per smartphone e altri dispositivi portatili solleva la possibilità di alterare processo decisionale delle persone a distanza. "Se state acquistando on-line, potrebbero BIAS la vostra decisione, offrendo il trasporto libero al momento di spostare lo sguardo per un particolare prodotto. "

così, movimenti oculari possono sia riflettere e funzioni di influenza maggiore mentali quali la memoria e il processo decisionale, e tradire i nostri pensieri, credenze, e desideri. Questa conoscenza ci può dare i modi per migliorare le nostre funzioni mentali - ma ci lascia anche vulnerabili a sottili manipolazioni da parte di altre persone.

"Gli occhi sono come una finestra nei nostri processi di pensiero, e noi non apprezziamo la quantità di informazioni potrebbe essere fuoriuscita di loro,"Dice Richardson. "Potrebbero potenzialmente rivelare cose che una persona potrebbe desiderare di sopprimere, come ad esempio pregiudizi razziali impliciti ".

"Posso vedere eye-tracking applicazioni utilizzati per, dire, tecnologie di supporto che capire quale funzione telefono è necessario e poi dare una mano," Aggiunge, "Ma se sono lasciati sul tutto il tempo che potrebbero essere utilizzati per tenere traccia di tutti i tipi di altre cose. Ciò fornirebbe informazioni molto più ricca, e solleva la possibilità di condividere involontariamente i nostri pensieri con gli altri ".

Questa è una versione modificata di una caratteristica Ho scritto per BBC.com/Future, un sito web che copre la scienza, la salute e la tecnologia.

guardian.co.uk © Guardiano Notizie & Media Limited 2010

Pubblicato il via Guardiano News Feed Plugin per WordPress.

Articoli correlati