Come a colonizzare Marte

How to colonize Mars

 

Realizzato da Guardian.co.ukQuesto articolo intitolato “Come a colonizzare Marte” è stato scritto da Sara Bruhns e Jacob Haqq Misra-, per theguardian.com il Giovedi 5 Novembre 2015 10.40 UTC (tempo coordinato universale

La NASA ha rilasciato una relazione contenente piani dettagliati per una missione umana su Marte. Questo è stato un obiettivo di lunga data per la NASA e il loro rapporto delinea le sfide di esplorazione di Marte in tre fasi. Il primo, 'Terra Reliant', fase si concentra sulla ricerca a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. La fase 'Proving Ground' mette l'uomo più in profondità lo spazio per la ricerca, pur rimanendo a pochi giorni dalla Terra. La fase di 'Terra Independent' completa il piano di ottenendo esseri umani per la superficie di Marte.

NASA non è l'unica organizzazione prepara a inviare uomini sul pianeta rosso. SpaceX, Dennis Tito Ispirazione Mars Fondazione, e Mars One hanno tutti espresso l'obiettivo di visitare e in alcuni casi anche colonizzare Marte.

Prima di ogni nazioni o organizzazioni cominciano ad esplorare e stabilire insediamenti, ambiguità del diritto internazionale in materia di esplorazione dello spazio e di regolamento devono essere chiariti e risolti. I costi potenziali, finanziario e politico, di ignorare la questione della sovranità nello spazio sono troppo alto per permettere a questi piani di missione di sviluppare molto di più.

Politica di esplorazione dello spazio attuale è in gran parte definito dalla Trattato sullo spazio, scritto in 1967. Il presente trattato esclude i firmatari di installare armi di distruzione di massa nello spazio, limita l'utilizzo dello spazio per scopi pacifici, vieta qualsiasi nazione a chiedere un terreno su tutti i corpi celesti (noto come il 'principio di non-appropriazione'), e afferma che lo spazio è 'la provincia di tutta l'umanità'.

Il Trattato Outer Space è stato scritto prima che l'uomo sbarcato sulla Luna, come montare le tensioni della guerra fredda, e quindi è poco attrezzata per dirigere il corso dell'esplorazione spaziale. Sono indubbiamente necessarie molte clausole del presente trattato, come il divieto delle armi di distruzione di massa, e l'utilizzo dello spazio per scopi esclusivamente pacifici. Tuttavia, la restrizione assoluto sui crediti sovrani da parte del principio di non-appropriazione potrebbe portare ad un conflitto futuro.

Mentre i dettagli completi per eventuali missioni umane su Marte proposte (sia pubblici che privati) sono ancora in fase di sviluppo, la premessa di base di colonizzare, anziché semplicemente esplorare, solleva preoccupazione. Il principio di non-appropriazione del Trattato sullo spazio extra vieta 'appropriazione da parte di pretesa di sovranità, mediante uso o occupazione, o con qualsiasi altro mezzo '. Questo suggerisce che l'atto di colonizzazione è di per sé incompatibile con il trattato. Come queste organizzazioni intendono colonizzare senza pretendere la sovranità è una questione irrisolta e di vitale importanza per decidere su prima di atterrare su Marte.

Un modo per risolvere questo potenziale è quello di concentrarsi su richieste economiche alle risorse su Marte piuttosto che la terra stessa. Soggetti pubblici e privati ​​potrebbero atterrare su Marte e stabilire una base in cui il diritto del proprio paese si applicherà a tutti gli abitanti e visitatori-simili disposizioni di legge che regolano la Stazione Spaziale Internazionale esistente. Essi potrebbero anche stabilire un appezzamento di terra limitata dove si possono far valere diritti economiche esclusive e scienza condotta. Tuttavia, come una 'zona economica esclusiva' mancherebbe pretese di sovranità. Un Marte residente da qualsiasi colonia può passare tranquillamente attraverso tali zone, e potrebbe anche creare un'altra base della propria. Tuttavia, tutte le risorse estraibili contenute all'interno della zona sono il diritto esclusivo del richiedente originale. Questa proposta prevede un modo per soddisfare gli obiettivi di raccolta di risorse di molte missioni su Marte attuali, Permesso piani per la colonizzazione di procedere, e soddisfare i requisiti del Trattato sullo spazio extra-.

Molti sostenitori di missioni colonizzazione Marte obiettare che tali missioni irreversibilmente inquinare l'ambiente naturale di Marte, danneggiando la ricerca scientifica, nonché guastare la bellezza naturale del pianeta. Per combattere queste preoccupazioni, un sistema di parco planetario simile al sistema dei parchi nazionali della Terra è stato possibile stabilire. Parchi planetarie sarebbero identificati e regolati in base all'ingresso di scienziati della Terra tutto il modello di consenso sulla falsariga di seguito mondo Sondaggio decadale della NASA per la selezione di missioni spaziali. Alcuni parchi potrebbero essere aperto solo agli inseguimenti scientifici, mentre altri potrebbero essere una designazione puramente estetico per preservare ambiente naturale di Marte '.

Di accordarsi su un piano come questo potrebbe fornire una soluzione pacifica. Tuttavia, ci saranno sempre conflitti minori tra coloni, soprattutto se il principio di non-appropriazione è quello di tenere insieme con la colonizzazione, come nessuna nazione o l'organizzazione sarà in grado di esercitare un controllo completo su di loro zona economica esclusiva. Un sistema di tribunale temporanea può essere un buon modo di risolvere le controversie tra coloni di Marte senza coinvolgere la Corte internazionale di giustizia sulla Terra. Quando due colonie entrano in conflitto tra loro, il loro caso può essere ascoltato e risolto da un tribunale composto di rappresentanti delle altre colonie. Questo modello permette di interessi coloniali da preservare da risolvere le controversie esclusivamente tra coloni.

Il piano descritto sopra è un modo possibile in avanti. Tuttavia, è fondamentale per le nazioni e le organizzazioni ad avviare un dialogo su come proseguire. Piani esistenti per colonizzare Marte non hanno affrontato il modo in cui affronteranno la questione della sovranità rivendicare. Ma ogni organizzazione sotto la giurisdizione di un partito nazione al Trattato sullo spazio extra dovrà rispettare disposizioni del trattato. Forse la soluzione è quella di rivedere il trattato, in particolare il principio di non-appropriazione, e determinare se questo requisito è ancora attuale. O forse la soluzione è quella di modificare il trattato di decidere in modo esplicito su una modalità di soluzione. Lo stato attuale delle cose è troppo ambiguo, e il conflitto sembra inevitabile a meno che un regime di colonizzazione è decisa prima che i primi uomini arrivano su Marte.

Sara Bruhns studiato fisica e astronomia presso l'Università della Virginia. Ha studiato la sovranità su Marte con Jacob Haqq Misra- (haqqmisra) attraverso il Giovane Programma Scientist presso il Blue Marble Spazio Istituto di Scienza. I punti di vista qui sono solo degli autori.

guardian.co.uk © Guardiano Notizie & Media Limited 2010

Pubblicato il via Guardiano News Feed Plugin per WordPress.