Terra 2.0: NASA dice che gli scienziati hanno trovato ' gemello più vicino’ sistema solare esterno

Earth 2.0: Nasa says scientists have found ‘closest twin’ outside solar system

 

Realizzato da Guardian.co.ukQuesto articolo intitolato “Terra 2.0: NASA dice che gli scienziati hanno trovato ' gemello più vicino’ sistema solare esterno” è stato scritto da Alan Yuhas a New York, per The Guardian il Venerdì 24 luglio 2015 06.42 UTC (tempo coordinato universale

Gli scienziati a caccia di vita extraterrestre hanno scoperto "il gemello più vicino alla Terra" al di fuori del sistema solare, La NASA ha annunciato il Giovedi.

Lavorare fuori vale la pena di dati di quattro anni dal telescopio spaziale Kepler, i ricercatori della NASA, l'Istituto Seti e diverse università hanno annunciato il nuovo esopianeta con 12 possibili "abitabile" altri esopianeti e 500 nuovi candidati in totale.

Il nuovo pianeta, 452b Kepler nome, è "il gemello più vicino alla Terra, o la Terra 2.0 che abbiamo trovato finora nel set di dati ", ha dichiarato John Grunsfeld, amministratore associato per la direzione della missione della Nasa.

"Questa è la prima forse roccioso, pianeta abitabile intorno ad una stella di tipo solare,"Ha dichiarato Jeff Coughlin, uno scienziato Seti. Tutti 11 precedentemente scoperto pianeti extrasolari di dimensioni simili e viaggiare orbita intorno a stelle che sono più piccole e più fredda del Sole.

"E 'la cosa più vicina che abbiamo a un altro luogo che qualcuno potrebbe chiamare casa,"Ha dichiarato Jon Jenkins, uno scienziato della NASA. Il pianeta è come la Terra di "anziani, grande cugino di primo grado ", ha detto.

La ricerca suggerisce 452b ha cinque volte la massa della Terra, è di circa 1,5 miliardi di anni più vecchio, e ha un peso di circa due volte più potente come la nostra.

Di 1,400 anni luce di distanza, Kepler 452b orbita attorno a una stella simile al nostro sole, e circa le stesse distanze come Terra orbita attorno al sole, il che significa che ha un anno di lunghezza simile ed esiste nella "zona abitabile", dove l'acqua liquida può esistere su un pianeta.

Jenkins ha detto che si sospetta il pianeta è roccioso, probabilmente con vulcani attivi, e ha un'atmosfera più spessa con maggiore copertura nuvolosa della Terra.

Ma anche se 452b ha più in comune con la Terra rispetto a qualsiasi esopianeta ancora scoperto, la sua stella è 1,5 miliardi di anni in più, 4% più massiccia e 20% più luminoso rispetto alla nostra. Come stelle di età che crescono in dimensioni e l'energia, colata più calore gli oggetti in loro orbita.

Jenkins loro rispetto alle persone. "Quando sono giovani sono piccoli e dim,", Ha detto, e millenni dopo "crescono e ottengono più luminoso".

Il nuovo pianeta riceve di conseguenza 10% più energia di quella della Terra, il che significa che potrebbe fornire uno sguardo in un bruciore, futuro senz'acqua sulla Terra, gli scienziati hanno detto.

"Keplero 452b potrebbe essere vivendo ora ciò che la Terra subirà più di un miliardo di anni da oggi,"Ha dichiarato Doug Caldwell, uno scienziato Seti Institute sulla missione Kepler.

"Se Kepler 452b è davvero un pianeta roccioso,", Ha detto, la sua posizione "potrebbe significare che si tratta solo entrando in una fase serra galoppante della sua storia clima. Il sole invecchiamento potrebbe essere riscaldando la superficie evaporante ed eventuali oceani. Il vapore acqueo sarebbe persa dal pianeta per sempre ".

Gli scienziati hanno trovato anche 11 altri esopianeti possibili che potrebbero essere meno di due volte il diametro della Terra e orbita in zone abitabili. Sette candidati sembrano orbitare stelle di tipo solare, Coughlin ha detto. "Il tempo ci dirà se stanno in piedi i test."

La scoperta "ci porta un passo più vicino alla comprensione di come molti pianeti abitabili sono là fuori", ha detto Joseph Twicken, uno scienziato Seti anche sulla missione Kepler.

Coughlin ha detto che spulciando il catalogo aiuterà gli astronomi "determinare il numero di piccole, pianeti freddi che sono i migliori candidati per ospitare la vita ".

"Stiamo cercando di rispondere a domande veramente fondamentali,"Ha detto Grunsfeld. "Dove stiamo andando come esseri umani, e, naturalmente, la domanda davvero grande: Siamo soli nell'universo?"

Il telescopio Kepler può trovare possibili pianeti rilevando piccoli cambiamenti nella luminosità delle stelle con il passare dei pianeti tra di loro e la Terra. I ricercatori dovranno utilizzare altre tecniche, come la ricerca di cambiamenti nel moto di altri soli, per verificare la natura degli oggetti.

Del 4,661 candidati esopianeti catalogato dalla missione Kepler, 1,028 sono stato confermato. Undici di questi sono confermate esopianeti a meno di due volte le dimensioni della Terra e nella zona abitabile della loro stelle. Il primo pianeta extrasolare che orbita una stella lontana è stato scoperto nel 1995.

Il telescopio spaziale Kepler identifica i possibili pianeti osservando cali periodici nella luminosità delle stelle, come i pianeti passano davanti a loro, allo stesso modo la luna provoca un'eclisse sulla Terra. Tuttavia, la conferma del loro vero stato planetario richiede osservazioni da parte di altri strumenti, in genere alla ricerca di lievi variazioni nel moto dei soli ospiti.

In 2017 Nasa prevede di lanciare il successore alla missione Kepler, un satellite sondaggio che cerca i sistemi solari più vicini per esopianeti. Grunsfeld ha detto che con telescopi sempre più potenti e satelliti, gli scienziati potrebbero un giorno essere in grado di "fare le prime mappe primitive di un pianeta simile alla Terra", compresi i dettagli di "se hanno oceani, nuvole, stagioni forse anche ".

Cambridge professore Didier Queloz detto che la squadra ha solo ragioni per essere ottimisti per i pianeti che assomigliano Terra ancora più strettamente: "Questo è solo l'inizio di un viaggio molto lungo."

guardian.co.uk © Guardiano Notizie & Media Limited 2010

Pubblicato il via Guardiano News Feed Plugin per WordPress.

Articoli correlati